venerdì 15 maggio 2015

QUANDO I SOGNI DIVENTANO REALTA': CRUMBLE DI FRAGOLE E RABARBARO



L'oggetto del desiderio dei miei sogni (culinari) più inconfessabili era fino a circa venti giorni fa il rabarbaro.
Quanti post, quante ricette, quante fotografie ho letto, riletto e fissato negli anni... con la consapevolezza che sarebbe stato molto difficile, per me, poter replicare anche solo una delle meraviglie su cui si posava il mio sguardo rapito, vista l'impossibilità di reperire a queste latitudini il vegetale in questione.
Ma a volte i sogni si realizzano... ci è voluto un viaggio a Monaco di Baviera, una visita al Viktualienmarkt (un mercato stratosferico, definito come il "cuore gourmet" della città, e a ragion veduta!!), la pazienza del marito che nel suo zainetto lo ha portato in giro  fino a sera, il minibar della stanza (svuotato da bottiglie e lattine varie) che lo ha ospitato fino al momento della partenza, ed infine anche una consegna del bagaglio ritardata di 24 ore....ma alla fine ho ottenuto 2 kg di rabarbaro qui a casa con me...
Dovendolo consumare in tempi rapidissimi (ci si è messa anche Alitalia a rendere le cose più difficili prolungando la permanenza del rabarbaro in valigia per un'altra giornata) la maggior parte è finita in marmellata.
Il mio sogno, però, ancora non poteva dirsi completamente realizzato...mancava un dolce, il dolce per eccellenza parlando di rabarbaro, ovvero ... il crumble con le fragole, e quindi che crumble sia!!!


                                         CRUMBLE DI FRAGOLE E RABARBARO
                                                     (dosi per una teglia di 20x26 cm)

                                                                        Ingredienti:
                                                       200 gr di rabarbaro (al netto degli scarti)
                                                       300 gr di fragole (al netto degli scarti)
                                                           50 gr di zucchero semolato
                                                                   20 gr di maizena
                                                                il succo di un limone
                                                              burro per imburrare la teglia q.b.
                                                                     Per la copertura:
                                                      100 gr di zucchero di canna demerara
                                                                    90 gr di farina 00
                                                        90 gr di burro freddo tagliato a dadini
                                                          la scorza grattugiata di un limone

                                                                       Procedimento:
Accendere il forno a 200°.
Tagliare a tocchetti di un centimetro il rabarbaro e a pezzettoni le fragole e mettere tutto in una ciotola.
Aggiungere lo zucchero, la maizena e il succo del limone e mescolare con un cucchiaio.
In un'altra ciotola versare la farina, il burro, lo zucchero di canna e la scorza del limone e lavorare velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto granuloso ma omogeneo.
Imburrare la teglia e distribuire il composto di fragole e rabarbaro.
Distribuire con le dita fiocchi dell'impasto precedentemente ottenuto sulle fragole ed il rabarbaro: si staccheranno come grosse briciole, deve essere così! Avere solo cura di distribuire il più equamente possibile queste briciole su tutta la superficie del"ripieno".
Infornare a 200° per 10 minuti, poi abbassare la temperatura a 180° e continuare la cottura per circa altri 20 minuti.




                                                                                N.B.
Non avevate mai sentito parlare del rabarbaro?!? Maggiori informazioni qui.
Questa invece una mia foto della "materia prima":


Qui invece una piccola carrellata di foto di Monaco e delle sue meraviglie (mercatini vari compresi....):








venerdì 8 maggio 2015

CRUMBLE DI MELE E MIRTILLI AL PROFUMO DI ZENZERO



Non so quante volte ho fatto questa torta, ho perso il conto....
Per lavoro e per piacere...
In formato maxi e in formato mignon...
C'è chi dopo averla assaggiata l'ha voluta come torta di compleanno...
C'è chi l'ha eletta a sua torta preferita (facilitandomi il compito di scegliere quale dolce preparare se trascorriamo la serata assieme)...
C'è chi non ne ha mai abbastanza e ne mangerebbe fino a scoppiare (un certo marito, tanto per non fare nomi)...
Ed è mai possibile che non fosse ancora finita qui sul blog?!? Incredibile ma vero...non c'era!!!
E allora corriamo subito ai ripari, e siccome il week end è alle porte perché non allietare la domenica con questa torta? :-D
Buon fine settimana!!



                   CRUMBLE DI MELE E MIRTILLI AL PROFUMO DI ZENZERO
                                  (dosi per una tortiera da crostata di 28 cm di diametro)

                                                                  Ingredienti:
                                                           Per la pasta brisée:
                                                            300 gr di farina 00
                                               150 gr di burro freddo tagliato a dadini
                                                       4/5 cucchiai di acqua fredda
                                                              un pizzico di sale
                                                               Per il ripieno:
                                                             6/7 mele golden
                                                         un cestino di mirtilli (125 gr)
                                                        80 gr di zucchero semolato
                                                    la scorza grattugiata di un'arancia
                                                              una noce di burro
                                                             Per la copertura:
                                                           100 gr di farina 00
                                               100 gr di burro freddo tagliato a dadini
                                                110 gr di zucchero di canna demerara
                                          2 cucchiaini da caffè di zenzero fresco grattugiato

                                                                 Procedimento:
Preparare la pasta brisée con qualche ora di anticipo (anche il giorno prima): setacciare in una ciotola la farina e il pizzico di sale, quindi aggiungere il burro e lavorare l'impasto fino ad ottenere un composto granuloso. Aggiungere quasi tutta l'acqua e lavorare ancora velocemente l'impasto; aggiungere ancora acqua fino a che il tutto non sta assieme senza che la pasta sia né troppo umida né troppo secca e "sbriciolosa". Formare un panetto, avvolgerlo bene nella pellicola e far riposare in frigorifero almeno per un'ora.
Nel frattempo sbucciare le mele, tagliarle in quarti e da ogni quarto ricavare 6/8 pezzetti.
Mettere le mele a pezzi in una padella insieme al burro, allo zucchero e alla scorza d'arancia e cuocere a fuoco vivace mescolando di tanto in tanto per circa 7/8 minuti: le mele devono appassire ma non stracuocere o peggio ancora spappolarsi: a cottura ultimata trasferire il tutto in uno scolapasta  (per perdere la parte liquida rimanente) e far raffreddare.
Stendere la pasta brisée (avendo cura di toglierla per tempo dal frigorifero in modo che non sia dura come una pietra) ad uno spessore di circa 2/3 mm, aiutandosi con due fogli di carta forno in modo da non addizionare ulteriore farina.
Imburrare la teglia e foderare il fondo e le pareti con la pasta brisée.
Versare le mele e distribuire equamente i mirtilli.
Preparare a questo punto il composto per la copertura: versare in una ciotola la farina, il burro, lo zucchero e lo zenzero e lavorare velocemente con la punta delle dita fino ad ottenere un impasto granuloso ma omogeneo.
Distribuire fiocchi di questo impasto su tutto il ripieno utilizzando sempre la punta delle dita per non riscaldarlo troppo: si staccheranno come grosse briciole, va bene così!
Infornare in forno già caldo a 200° per 10 minuti, poi abbassare a 180° e continuare la cottura per circa 25/30 minuti.
Servire tiepida cosparsa di zucchero a velo.
Può essere accompagnata da crema inglese o gelato alla vaniglia.




                                                                   N.B.
Poiché la frutta rilascia in cottura liquidi la pasta brisée sarà bagnata, e non sarà semplice spostare la torta dalla tortiera in cui è stata cotta.
Il mio consiglio perciò, è di utilizzare una tortiera da crostata con il fondo amovibile come questa qui: in questo modo libererete facilmente la torta dal bordo e sarà molto semplice servirla su un piatto da portata o un'alzatina utilizzando il fondo della tortiera come base.